Pubblichiamo qui una nota inviata oggi al Corriere della Sera. Nell’edizione di oggi viene dedicato ampio spazio alle elezioni regionali, senza mai citare il Patto per L’autonomia e il candidato Cecotti. Dalla lettura della pagina si ricava che i candidati sono tre, come indicato nella colonna di sinistra. Ci chiediamo se sia corretto da parte di un quotidiano di tale importanza, fornire agli elettori informazioni tanto parziali a un giorno dal voto.

 

In relazione alla pagina “Primo piano” comparsa oggi, sabato 28 aprile, sul Corriere della Sera, sulle elezioni regionali in Friuli-Venezia Giulia, con articoli a firma di Marco Cremonesi e Marco Imarisio, il Patto per l’Autonomia ritiene doveroso fare alcune precisazioni.

Il Patto per l’Autonomia è una forza trasversale nata dall’iniziativa di sindaci e amministratori, apertasi poi a molti esponenti della società civile, che vuol difendere e rilanciare la specialità del Friuli-Venezia Giulia rispondendo alle esigenze di autogoverno delle comunità regionali. Corre alle prossime elezioni Regionali con il candidato presidente Sergio Cecotti – già presidente della Regione e sindaco di Udine per 2 mandati – e con una propria lista. Di questa realtà non c’è traccia nell’intera pagina del Corriere della Sera, in particolare nel colonnino in cui vengono indicati gli aspiranti governatori.

Pur consapevoli che nessuna disposizione particolare disciplina l’informazione su carta stampata nei periodi di campagna elettorale, si confida, però, nella correttezza del giornalista, chiamato, secondo la deontologia professionale, a fornire una informazione completa. In questo senso, nel rispetto della libertà intellettuale del giornalista, certamente riteniamo che il servizio in questione non sia all’altezza di una testata come il Corriere della Sera, che si è sempre distinta per autorevolezza e prestigio. Chiediamo, dunque, di integrare nell’edizione di domani le informazioni mancanti nella pagina odierna, presentando ai lettori il quadro completo dei candidati presidenti e delle liste di appoggio, altrimenti dovremmo pensare che questa fama sia immeritata.

 

Massimo Moretuzzo,

segretario del Patto per l’Autonomia

 

2 pensieri riguardo “Il Corriere della Sera si “dimentica” del Patto per l’Autonomia

  1. Vergogna…si ricordano del Friuli solo quando ci sono le elezioni…e partoriscono questi articoletti degni neanche del giornalino parrocchiale

  2. Ma quale autorevolezza, quale prestigio. Il Corriere ha perso tutto con il famoso articolo di fondo di Mieli che perorava la elezione di Prodi. Ricordo perfettamente il crollo delle vendite. Il Corriere entrava a casa mia sin dalla prima guerra mondiale, mia nonna ne era appassionata lettrice, anche mio padre lo era..Io dall’articolo di Mieli ho rotto la tradizione e non lo ho più comperato. A quanto pare oggi ho l’ennesima dimostrazione di avere visto giusto e bene.
    Comunque, BEN FATTO MORETUZZO !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *