Portale e Borsa del legno

a sostegno dell’economia montana

Se è vero che una “questione montagna” esiste, è altrettanto vero che essa va posta in maniera diversa dal passato: della montagna occorre occuparsi non per assisterla, ma per far sì che il suo valore, le sue specificità siano promossi e messi in circuito, a beneficio della montagna stessa, delle comunità locali, della regione nel suo complesso, in tal modo anche difendendola da chi, da fuori regione, ne sfrutta a proprio vantaggio i beni. In questa logica, nell’ambito della discussione del disegno di legge di assestamento del bilancio 2018-2020, il consigliere regionale del Patto per l’Autonomia Giampaolo Bidoli ha proposto la realizzazione di un Portale del legno per valorizzare il legname regionale e aiutare le amministrazioni a velocizzare le vendite dei lotti boschivi, in piedi e a strada, e ad attivare la Borsa del legno (in Italia esiste solo nelle Province di Trento e Bolzano) per una maggiore trasparenza e conoscenza del mercato, non solo regionale, informando sui prezzi del legname, sulle loro variazioni nel tempo e nello spazio.

La proposta è stata accolta positivamente dall’assessore regionale alle Risorse forestali Stefano Zannier, che si è impegnato a individuare le risorse necessarie per sostenere il progetto.

«Il Portale – spiega Bidoli – dovrà contenere pagine dedicate ai boschi della regione (tipologie forestali e dati di superfici, volumi, accrescimenti, pianificazione…), ai prodotti e alle aziende del legno, informazioni su tutti i soggetti pubblici e istituzionali che si occupano di legno e bosco e di ricerca in materia, vendite online di lotti boschivi in piedi, a strada, su commessa, sia pubblici che privati. L’Uncem Fvg, in quanto titolare del sistema di certificazione Pefc della gestione forestale sostenibile delle foreste regionali, è il soggetto migliore per l’attivazione di questo progetto, salvo diverse indicazioni della Giunta regionale circa un coinvolgimento diretto e immediato della Camera di commercio di Udine».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *