«Nus plasarès celebrâ il 942m inovâl de Patrie fûr de facil retoriche sul Stât Patriarcjâl che ogni an, par cualchi zornade, par gracie de autoritât nus ven concedude.


Tignìn bon alore il significât di cheste date, che, insiemi ae bandiere de acuile di Beltram, e rapresente un dai pôcs simbui unificants par ducj i furlans. Il 3 di Avrîl e cole ogni distinzion. No son plui udinês, cjargnei, roseans, gurizans, benecians, pordenonês, ma in cheste zornade si sintìn ducj indistintementri part di une robe sole: il Friûl. Chest, no par une leç scrite, ma par un sintî comun. Une robe che tu le sintis dentri no parcè che cualchidun le à cjatade tal certificât di nassite, ma ben parcè che e je une robe che achì tu le respiris, ancje cence visâti. Ogni dì.


Chest al è il biel de nestre Tiere. Chel pat cidin che nissun al à firmât, ma che chel istès al unìs i destins di ducj chei che a vivin chest cjanton di mont. Tai fats, une comunitât di destin, ven a stâi une nazion.

Alore tignìnse strente cheste nazion involontarie, istintive e cirìn di fâle deventâ une robe cussiente. Nol è facil, lu savìn, parcè che cualchidun al à decidût di insegnânus che il nestri caratar al è individualist e parcè che i timps modernis a puartin a consumâ ancje lis relazions interpersonâls come che a fossin un prodot “dopre e bute”. Ma sino sigûrs che cheste “vulgade” e sedi propit vere? Plui voltis te storie, ancje resinte, nô Furlans o vin dimostrât che o savìn metisi adun par fâ front aes dificoltâts e tornâ a metisi in pîts.
I aiars che vuê a soflin sul Friûl, ancje cence visâsi, a son piês dal taramot di 43 agns indaûr. Crisi economiche, mancjance di puescj di vore, decrement demografic, pierdite di valôrs, emigrazion dai zovins e vie discorint, a son maseriis che no si viodin ingrumadis tes stradis, ma che a pesin e che, a diference dai agns de ricostruzion, no fasin inspirâ un futûr di sperance. Par chest, za un an indaûr, dentri cheste emergjence, o vevin capît che par salvâ il Friûl bisugnave prin salvâ la Autonomie de Regjon: o vin savût fâ di mancul dai personalisims, metût denant di dut l’obietîf di otignî e sbassât il cjâf par lavorâ dûr par puartâ risultâts concrets pe nestre int.
Cussì al è nassût il Pat pe Autonomie e te stesse maniere vuê bisugne continuâ a puartâlu indenant.


La strade e je lungje, dure e dute di rive sù, ma no si pues fâ di mancul di percorile. O vin di tignî dûr, fâ un toc di chel troi parom, puartant ognidun la sô esperience, fuarce, ideis, ma ancje savint cuant che al è il moment di fâsi dâ di cambi, cence volê par fuarce strafâ e soredut cence metisi di traviers ai compagns di viaç.
Il 3 di Avrîl dal 2019 nus cjale su ce che o sarìn bogns di meti dentri te difese de nestre Autonomie avilide dai pats finanziaris cun Rome, tal rûl che o sarìn brâfs a fâi vê aes comunitâts dal Friûl e di dute la regjon dentri te riforme dai Ents locâi, al pês che o rivarìn a tornâi a Gurize, al control che o savarìn tignî come regjon su la vie de sede, sul orgoi che o volarìn butâi dentri tal rivendicâ l’autoguvier des comunitâts linguistichis di cheste regjon.


Ma altris 3 di Avrîl a vignaran dongje e su chei o vin di fâsi cjatâ pronts su ce o volìn pal futûr dal Friûl-Vignesie Julie. E cheste bataie no podìn frontâle di bessôi, ma unintsi aes autonomiis vecjis e gnovis che, ator pe Italie e pe Europe, a tornin a cridâ cun vôs fuarte il dirit a vê un doman miôr pes nestris tieris e pai nestris fîs.
Al Pat pe Autonomie e ai siei sostignidôrs ur spiete di decidi se scombati cuntun obietîf di sei une fuarce dentri la Europe dai Popui o limitâsi a cjalâ dome il piçul dal propit ort tant che un anonim “progjet” talian cualsisedi. Bon inovâl de Patrie a ducj».

Festa della Patrie dal Friûl. Il vicesegretario del Patto, Federico Simeoni:  «Il 3 aprile ci sentiamo tutti parte del Friuli. Combattiamo per il futuro di queste terre, difendendo la nostra Autonomia in un’Europa dei popoli»

«Ci piacerebbe celebrare il 942° anniversario della Patrie fuori dalla facile retorica sullo Stato Patriarcale che, ogni anno, per qualche giorno, ci viene concessa dall’autorità.
Conserviamo allora il significato di questa data, che, insieme alla bandiera dell’aquila di Bertrando, rappresenta uno dei pochi simboli unificanti per tutti i friulani. Il 3 aprile cade ogni distinzione. Non ci sono più udinesi, carnici, resiani, goriziani, beneciani, pordenonesi, ma in questa giornata ci sentiamo tutti indistintamente parte di una cosa sola: il Friuli. Questo, non per una legge scritta, ma per un comune sentire. Qualcosa che senti dentro non perché qualcuno l’ha trovata sul certificato di nascita, ma perché la respiri, anche senza accorgertene. Ogni giorno.

Questo è il bello della nostra Terra. Quel patto silenzioso che nessuno ha firmato, ma ugualmente unisce i destini di tutti quelli che vivono in questo angolo di mondo. Nei fatti, una comunità di destino, cioè una nazione.
Allora teniamocela stretta questa nazione involontaria, istintiva e cerchiamo di prenderne coscienza. Non è facile, lo sappiamo, perché qualcuno ha deciso di insegnarci che il nostro carattere è individualista e perché i tempi moderni inducono a consumare anche le relazioni interpersonali come fossero un prodotto “usa e getta”. Ma siamo sicuri che questa “vulgata” sia proprio vera? Più volte nella storia, anche recente, noi Friulani abbiamo dimostrato che sappiamo raccoglierci per far fronte alle difficoltà e rimetterci in piedi.

I venti che soffiano oggi sul Friuli, anche senza rendersene conto, sono peggiori del terremoto di 43 anni fa. Crisi economica, mancanza di posti di lavoro, decremento demografico, perdita di valori, emigrazione giovanile…, producono macerie che non sono ammassate nelle strade, ma che pesano e che, a differenza degli anni della ricostruzione, non fanno ben sperare per il futuro. Per questa ragione, ormai un anno fa, già dentro questa emergenza, avevamo capito che per salvare il Friuli era necessario prima salvare l’Autonomia della Regione: abbiamo rinunciato ai personalismi, anteponendovi l’obiettivo da raggiungere e chinato la testa lavorando duramente per portare risultati concreti alla nostra gente.
Così è nato il Patto per l’Autonomia e allo stesso modo oggi va portato avanti.

La strada è lunga, dura e in salita, ma non si può fare a meno di percorrerla. Dobbiamo tenere duro, percorrere ciascuno un tratto di quella strada, portando le proprie esperienza, forza, idee, facendosi dare il cambio quando sarà il momento, senza voler eccedere e soprattutto senza ostacolare i compagni di viaggio.
Il 3 aprile del 2019 ci osserva in merito a quello che sapremo fare per la difesa della nostra Autonomia, svilita dai patti finanziari con Roma, al ruolo che riusciremo a far attribuire alle comunità del Friuli e di tutta la regione nell’ambito della riforma degli enti locali, al peso che riusciremo a restituire a Gorizia, al controllo che sapremo tenere come regione sulla via della seta, all’orgoglio nel rivendicare l’autogoverno delle comunità linguistiche di questa regione.

Ma altri 3 aprile verranno e dovremo farci trovare pronti rispetto a quello che vogliamo per il futuro del Friuli-Venezia Giulia. E questa battaglia non possiamo affrontarla da soli, ma unendoci alle autonomie vecchie e nuove che, in Italia e in Europa, hanno ripreso a rivendicare con forza il diritto ad avere un domani migliore per le nostre terre e per i nostri figli.
Al Patto per l’Autonomia e ai suoi sostenitori spetta la decisione di combattere al fine di essere una forza nell’Europa dei popoli o di limitarsi a guardare solo al proprio orticello come un qualsiasi anonimo “progetto” italiano. Buon anniversario della Patrie a tutti».

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Iscriviti alla newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo