Patto per l'Autonomia | Pat pe Autonomie | Pakt Za Avtonomijo | Pakt für die Autonomie

Luca Mercalli a I giovedì del Patto: Urge una evoluzione verso la sostenibilità attraverso nuovi modelli di sviluppo

Sostegno alle imprese verso la transizione ecologica e Regione primo consumatore critico, le proposte del Patto per l’Autonomia

Cambiamento climatico, agricoltura sostenibile, filiera corta, ripopolamento della montagna, consumo di suolo, utilizzo delle risorse idriche. Sono alcuni dei temi trattati nel corso del primo appuntamento de “I giovedì del Patto”, la serie di eventi online settimanali organizzati dal Patto per l’Autonomia per contribuire al dibattito sulla ripresa post Covid-19 dialogando con ospiti illustri in stretta interazione con il pubblico della rete. Ad aprire la serie è stato Luca Mercalli, presidente della Società meteorologica italiana, climatologo e giornalista scientifico, che si è confrontato con il segretario del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo, e il consigliere regionale Giampaolo Bidoli sull’importanza di cambiare il modo in cui istituzioni e comunità interagiscono con l’ambiente. «Urge una transizione verso la sostenibilità, che passa attraverso una visione di futuro diversa da quella dell’attuale economia consumista e l’elaborazione di nuovi modelli di sviluppo», ha detto Mercalli, evidenziando, accanto all’importanza di adottare comportamenti individuali più corretti, le responsabilità della classe politica, incapace di azioni decise e strategiche di politica ambientale («In gioco ci sono troppi interessi economici»). Da parte sua, il Patto per l’Autonomia, attraverso il Gruppo Consiliare regionale, ha già fatto pervenire alla Giunta Fedriga un documento con alcune proposte operative, che possono rientrare in una progettualità complessiva e necessaria per affrontare il periodo verosimilmente difficile che ci attende ed imboccare la strada del cambiamento, in particolare rispetto al modello di sviluppo economico e sociale del Friuli-Venezia Giulia, fondato sulla tutela e sul rispetto delle risorse naturali e del paesaggio. La prima proposta, verificata con vari interlocutori ed illustrata nella seguitissima diretta online dal segretario e capogruppo in Consiglio regionale, Massimo Moretuzzo, riguarda il sostegno alle imprese con forme di contributo che puntino ad impattare sia sui conti economici delle aziende che sull’evoluzione dei sistemi produttivi verso una transizione ecologica non più rimandabile. «Considerato che la bolletta energetica incide in modo significativo sul bilancio di molte imprese, in particolare nel settore manifatturiero, proponiamo di rendere disponibili dei finanziamenti per le piccole e medie attività che intendono installare sulle proprie unità produttive degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, in particolare attraverso dei pannelli fotovoltaici. Il finanziamento – ha spiegato Moretuzzo –, con l’obiettivo di semplificare al massimo le procedure, potrebbe essere erogato in compensazione con l’IRAP, con un meccanismo di detrazione simile a quello utilizzato per le norme in vigore sull’Industria 4.0. È evidente che ai benefici di natura economica per le imprese beneficiarie e di natura ambientale per l’aumento del consumo di energia rinnovabile derivanti da un’iniziativa di questo tipo, si aggiungono i benefici indiretti per tutti i comparti economici coinvolti in questo tipo di iniziative». E ancora, ha aggiunto Moretuzzo, «il momento che stiamo attraversando fornisce l’occasione per spingere in modo convinto sul rafforzamento delle filiere locali, a chilometro zero e biologiche, che rappresentano un’alternativa necessaria a un modello di sviluppo agricolo e zootecnico che sta dimostrando tutta la sua insostenibilità, non solo ambientale. Un’azione immediatamente “cantierabile” da parte della Regione potrebbe essere quella di inserire all’interno dei bandi di affidamento delle mense pubbliche di sua competenza l’obbligo di utilizzare prodotti locali e biologici, diventando il primo consumatore critico. Un’azione come questa potrebbe avere un impatto molto importante in termini di capacità produttiva e di gestione logistica delle filiere locali. Lo stesso meccanismo potrebbe essere applicato nelle mense delle aziende private disponibili – se adeguatamente incentivate attraverso un contributo regionale – a convenzionarsi con un sistema di fornitori locali». Dopo Luca Mercalli, “I giovedì del Patto” ospiteranno, il 14 maggio, lo storico, scrittore e operatore culturale Angelo Floramo e il 21 maggio Mario Tozzi, geologo, divulgatore scientifico e saggista, noto anche come autore e personaggio televisivo.


Prossimi appuntamenti

Non ci sono eventi futuri

Volantini

                       
Dimensione: 410.05 kb
Lunedì 4 novembre 2019 - ore 20:30. Palazzo Colossis - via del Municipio 20, Meduno
Dimensione: 339.66 kb
Lunedì 4 novembre 2019 - ore 20:30. Palazzo Colossis - via del Municipio 20, Meduno.
Dimensione: 421.57 kb

Logo Patto per l'Autonomia

Via Alessandro Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo (UD)

Tel: +39 342 163 3878
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter