Ordine del giorno dei consiglieri Bidoli e Moretuzzo

Friulia sostenga con misure puntuali la filiera regionale del legname, anche perché possa affrontare al meglio la concorrenza delle imprese di oltre confine. Lo chiedono i consiglieri del Patto per l’Autonomia Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli in un ordine del giorno presentato in sede di discussione della manovra finanziaria regionale.

Alla luce della devastante ondata di maltempo che, a fine ottobre, ha danneggiato pesantemente il patrimonio boschivo regionale, con il conseguente rischio di una svalutazione del valore del legname, e preso atto che le realtà di trasformazione del legname in Friuli-Venezia Giulia possono essere sicuramente potenziate e rese maggiormente competitive rispetto ad analoghe realtà limitrofe ben più strutturate (come quelle austriache), Moretuzzo e Bidoli individuano in Friulia Spa, controllata della Regione, il soggetto che può contribuire in maniera determinante a rafforzare l’intero sistema regionale del legno in un’ottica di lungo periodo, dopo aver sanato le criticità del momento. «La mission di Friulia – ricordano di due consiglieri del Patto per l’Autonomia – è quella di concorrere, in sinergia con gli altri attori economici del territorio, alla promozione dello sviluppo economico regionale, rafforzare la capitalizzazione delle nostre imprese aiutandole ad indirizzare risorse economiche verso investimenti caratterizzati da un ritorno economico sostenibile, contribuire alla strutturazione e al miglioramento di una corretta governance aziendale e diffondere la conoscenza e la pratica della buona finanza per la crescita del sistema economico regionale».
L’ordine del giorno impegna, dunque, la Giunta Fedriga “a dare puntuale mandato a Friulia Spa per attuare una specifica programmazione per lo sviluppo dell’intero settore del legno e delle successive fasi che coinvolgono il settore (taglio, raccolta, vendita, lavorazione), attraverso il fattivo sostegno dell’intera filiera del legname individuando le migliori forme di intervento per il breve-medio periodo e per il medio-lungo periodo”. 

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le informazioni aggiornate sulle nostre attività