Moretuzzo: «La Regione intervenga, basta attendismo». Interrogazione del Gruppo Consiliare del Patto per l’Autonomia.

Ancora un bilancio in rosso per l’Ente Udine e Gorizia Fiere S.p.A., la cui situazione da tempo è caratterizzata da perdite significative e dalla ormai strutturata necessità di ricorrere alle riserve societarie per la copertura delle stesse perdite, al punto che
il Comune di Udine ha annunciato di voler dismettere le proprie quote, la Camera diCommercio Venezia Giulia eserciterà, per le sue, il diritto di recesso e un altro socio – il Comune di Martignacco – ha ricevuto senza possibilità di scelta le quote precedentemente
detenute dalla Provincia di Udine. A fronte della situazione quanto mai indeterminata dell’Ente Udine e Gorizia Fiere S.p.A. tanto da un punto di vista economico e finanziario quanto dal punto di vista societario – è notizia di questi giorni che il Consiglio di amministrazione della Fiera si è detto pronto a dimettersi –, il Gruppo Consiliare del Patto per l’Autonomia interroga l’Assessore alle Attività produttive Sergio Emidio Bini per sapere se, come e con quali tempistiche l’amministrazione regionale interverrà per sanare la difficile situazione economico-finanziaria di Udine e Gorizia Fiere S.p.A. 
«La realtà fieristica regionale è di rilevanza strategica per l’intero tessuto economico del Friuli-Venezia Giulia e, in particolare, il quartiere fieristico di Udine rappresenta un nodo cruciale di tale sistema per molteplici motivi, non da ultimo per la sua posizione», osserva il consigliere del Patto per l’Autonomia Massimo Moretuzzo. 
Nell’interrogazione – depositata oggi (30 maggio) –, il Gruppo Consiliare chiede inoltre di sapere se vi sia un’idea di sviluppo e rilancio della Fiera di Udine e  dell’intero sistema fieristico regionale (che l’assessore Bini ha evocato in più occasioni senza, però, esplicitarne i contenuti) e in che termini si intenda raggiungere la condivisione di tale processo di rilancio considerata la presenza di così tanti differenziati soggetti e interessi.

«L’attendismo della Regione in una situazione come questa è più simile a una lenta eutanasia che a una volontà di rilancio. Vorremmo sapere qual è la visione della Giunta regionale rispetto al futuro di un ente che è strategico per tutto il Friuli, a partire dall’utilizzo delle risorse già stanziate (circa 9 milioni di euro) e bloccate da dieci anni, che potrebbero essere riconvertite verso nuove forme di sviluppo dell’ente e delle sue strutture», dichiara Moretuzzo.

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Iscriviti alla newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo