Patto per l'Autonomia | Pat pe Autonomie | Pakt Za Avtonomijo | Pakt für die Autonomie

Notizie

Bidoli: Basta imposizioni ai sindaci

È un giudizio in chiaroscuro quello espresso dal consigliere regionale del Patto per l’Autonomia, Giampaolo Bidoli, sul disegno di legge 90 in materia di autonomie locali, funzione pubblica, lavoro e formazione, approvato oggi (13 maggio, ndr) dal Consiglio regionale.

Se, per affrontare almeno alcune delle situazioni emergenziali più contingenti, è apprezzabile il rinvio di alcune scadenze («una misura pressoché obbligata visto l’attuale contesto»), Bidoli, che è stato relatore di minoranza, punta invece il dito sulle scelte “politiche” con cui si propongono alcune risposte per la fase di ripresa che gli enti locali dovranno affrontare. «Con questa legge, che sulla carta si propone di essere un aiuto agli amministratori locali, si dice a questi stessi amministratori che è disponibile a sostenerli e, al fine di rilanciare l’economia in questa fase di ripresa post Covid-19, assegnerà loro risorse per abbattere le tasse locali (e, in particolare, la tassa sui rifiuti, Tari, la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, Tosap, e il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, Cosap) se e solo se il Comune metterà a disposizione della medesima finalità lo stesso importo utilizzando l’avanzo di amministrazione. Non viene minimamente presa in considerazione la possibilità che quell’Amministrazione comunale abbia altre idee (magari più funzionali rispetto al proprio contesto) rispetto a come investire quei fondi – sottolinea Bidoli –. In altre parole, la Regione dirà loro: i soldi per aiutarvi ci sono, ma li dovete usare come dico io e investendo anche le cifre che hai accantonato prima. Non possiamo, da un lato, lodare i sindaci – ai quali negli ultimi anni è stato chiesto di rispettare i vincoli di bilancio e di svolgere sempre più funzioni con sempre meno personale e meno risorse – e, dall’altro, approvare disegni di legge basati su imposizioni». Per quanto riguarda invece le poste movimentate, «l’Assessore alle Autonomie locali ha spiegato che spesso sono somme bloccate per interventi che non interessano più e che la Regione riprende per destinarle ad altro: non si tratta, quindi, in molti casi di somme prese a prestito che verranno reinserite poi in assestamento e, basta fare alcuni conti, per capire che non potrebbe essere altrimenti. Nessuno può pensare che, a fronte della necessità di recuperare cifre importanti per fronteggiare la situazione attuale, non sarà necessario fare tagli e rivedere certe poste, ma – afferma Bidoli – ci si risparmi la retorica del prestito da restituire in assestamento: i capitoli scelti sono, in molti casi, purtroppo, capitoli a cui evidentemente la Giunta intende rinunciare definitivamente. Lo si ammetta e ci si assuma la responsabilità delle conseguenze di tali tagli per il futuro del sistema regionale».

  • Creato il .

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?

Logo Patto per l'Autonomia

Via Alessandro Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo (UD)

Tel: +39 342 163 3878
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter