fbpx

Patto per l'Autonomia | Pat pe Autonomie | Pakt Za Avtonomijo | Pakt für die Autonomie

logoefa mini

Manovra finanziaria.

14 Dicembre 2021

Moretuzzo: «Logiche del passato nell’utilizzo delle ingenti risorse disponibili.

Poche risposte ai problemi dei nostri territori»

 

«L’amministrazione regionale, e questa finanziaria, non colgono le opportunità che l’attuale congiuntura sta offrendo. Di fronte a significative risorse disponibili, in parte frutto dei nuovi accordi finanziari con lo Stato, e con la consapevolezza di un assetto socio-economico radicalmente mutato negli ultimi anni, sarebbe stato necessario intraprendere strade nuove a supporto di misure diverse da quelle sostenute a livello statale, non in un’ottica di sola diversificazione dell’impiego delle risorse, ma anche di una loro ottimizzazione». Così il capogruppo del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo, nel corso della discussione odierna sulla manovra di bilancio per il 2022 che segna in buona sostanza la direzione futura verso cui indirizzare lo sviluppo del Friuli-Venezia Giulia. 

«Si procede come se negli ultimi anni non fosse successo nulla, utilizzando le ingenti risorse aggiuntive oggi disponibili con le stesse logiche e gli stessi strumenti adottati in precedenza. Un esempio tra i più eclatanti sono sicuramente le decine di milioni di euro investiti per impianti sciistici posti ben al di sotto delle quote raccomandate da Arpa, che anche negli ultimi giorni sono stati oggetto di un profluvio di comunicati della Giunta e della maggioranza. Di situazioni in cui l’evidenza scientifica viene negata con chiacchiere da social media ne abbiamo abbastanza, non solo nel campo della lotta ai cambiamenti climatici», commenta Moretuzzo.

«Riconosciamo che nella manovra di bilancio vi sono anche segnali di cambiamento, quali quelli che si ritrovano nel settore agricolo, con la maggior attenzione al biologico oppure nel rimboschimento delle aree di pianura oggetto di riordino fondiario: si tratta, però, di segnali decisamente timidi, quando i tempi e le sfide contemporanee imporrebbero maggiore ambizione. Prendiamo atto del fatto che agli annunci roboanti con cui si comunicava la candidatura del Friuli-Venezia Giulia a regione pilota del Green Deal, puntando a raggiungere con cinque anni di anticipo gli obiettivi posti dall’Unione Europea, stanno seguendo strumenti normativi di fatto privi di significative politiche di riduzione delle emissioni e di chiari input per il tema energetico. Eppure, anche in questo campo, di proposte ne sono state fatte parecchie». E ancora, «assistiamo a operazioni di piccolo cabotaggio che non valorizzano il ruolo delle università del Friuli-Venezia Giulia per lo sviluppo della regione e all’assenza di investimenti verso una vera territorializzazione del servizio sanitario regionale, tanto invocati quanto disattesi. In questa legge di stabilità non trovano risposte adeguate neppure gli enti locali, la cui riforma votata a inizio legislatura si sta rivelando sostanzialmente inutile ai fini delle necessità dei Comuni, la maggior parte dei quali è allo stremo, sopraffatta dalla carenza cronica di personale e in stallo burocratico e amministrativo». Inoltre, in virtù della mole di risorse che sono state e saranno indirizzate alla realizzazione di opere pubbliche, sia in capo alla Regione che ai Comuni, «è di fondamentale importanza che il Friuli-Venezia Giulia si doti di una nuova norma regionale sulla gestione degli appalti, come stiamo sollecitando fin dalle prime battute di questa legislatura», conclude il capogruppo del Patto per l’Autonomia evidenziando come «la sessione di bilancio avrebbe potuto e dovuto offrire risposte ai nuovi problemi che i nostri territori stanno affrontando e affronteranno negli anni a venire sia in termini economico-finanziari sia in termini di opportunità di confronto, ma, non avendo colto questa opportunità, da parte nostra cercheremo di offrire contributi al dibattito, anche con la presentazione di alcuni emendamenti, secondo una necessaria ottica di cambiamento dei paradigmi».


Prossimi appuntamenti

Non ci sono eventi futuri

Logo Patto per l'Autonomia

Via Alessandro Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo (UD)

Tel: +39 342 163 3878
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter