fbpx

Patto per l'Autonomia | Pat pe Autonomie | Pakt Za Avtonomijo | Pakt für die Autonomie

logoefa mini

Ddl sicurezza: dura presa di posizione del Patto

10 Marzo 2021

Moretuzzo e Bidoli: «Una pessima legge che centralizza molte competenze a livello regionale a scapito dei Comuni e spalanca le porte alle ronde post padane»

«Questo provvedimento non dà risposte efficaci alle criticità in cui versa la polizia locale, effetto di una ormai cronica carenza di personale e mancanza di professionalità specifiche che rendono estremamente difficoltoso il presidio del territorio. Non è centralizzando molte competenze a livello regionale che si migliora il servizio. Vanno piuttosto rafforzate le forme di coordinamento tra i Comuni», afferma il capogruppo del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo, in riferimento al disegno di legge 125 in materia di politiche integrate di sicurezza e ordinamento della polizia locale, oggi (10 marzo, ndr) all’esame dell’Aula. «È necessario fornire i Comuni degli strumenti necessari per coordinarsi e gestire la funzione della polizia locale», evidenzia Moretuzzo, che sottolinea come il tema sia strettamente intrecciato a quello della «fallimentare» riforma degli enti locali.

Critiche alla norma «che spalanca le porte alle ronde post padane» arrivano anche dal consigliere regionale Giampaolo Bidoli. Il pacchetto di norme sulla “sicurezza partecipata” che affida l’attività di prevenzione e controllo del territorio anche alla collaborazione dei cittadini, attraverso il “controllo di vicinato” o l’impiego di associazioni di volontariato, «metterà in difficoltà i comandi di polizia locale, anziché supportarli, poiché si troveranno a gestire volontari impreparati», spiega Bidoli, per i quali immagina un intervento «eventualmente a supporto di eventi culturali, sportivi e cerimonie, per quanto, anche in questi contesti, sarebbe preferibile valorizzare i volontari della Protezione Civile, peraltro già formati e monitorati dal punto di vista sanitario e psicologico».

«Dal dibattito generale e dalle dichiarazioni dell’assessore Roberti è evidente che ci aspetta una pessima legge», conclude Moretuzzo, che si sofferma infine sull’articolo 16 della norma (“La Regione, avvalendosi degli uffici del Comune capoluogo (Trieste), attua il coordinamento tra i servizi di polizia locale per le seguenti finalità…)”. «Chi glielo dice al friulanissimo sindaco di Udine che i suoi compagni di partito stanno approvando una legge per cui per avere un intervento dei cosiddetti “nuclei specializzati” (formati anche dai suoi agenti) dovrà chiedere “per favore” al comandante della polizia locale di Trieste? Da “prima i friulani” a “prima il centralismo”, che sia romano, milanese o triestino poco conta», commenta Moretuzzo.


Prossimi appuntamenti


Logo Patto per l'Autonomia

Via Alessandro Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo (UD)

Tel: +39 342 163 3878
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter