fbpx

Patto per l'Autonomia | Pat pe Autonomie | Pakt Za Avtonomijo | Pakt für die Autonomie

logoefa mini

Disinfestazione zanzare a Udine.

29 Agosto 2022

Disinfestazione zanzare a Udine.

Stefania Garlatti-Costa (Patto per l’Autonomia): «Attività inefficace allo scopo. Servono interventi larvicidi»

«Di fronte a una situazione che certamente non va sottovalutata e che richiede azioni ragionate, meticolose e programmate, la disinfestazione contro le zanzare a Udine, senza che vi sia riscontro ufficiale di focolai e casi umani, ci sembra un intervento esagerato e inefficace». Così Stefania Garlatti-Costa, componente del direttivo del Patto per l’Autonomia e della Comunità del Patto di Udine, interviene sulla questione dell’attività di disinfestazione anti West Nile/Usutu programmata per questa notte (29 agosto) nel capoluogo friulano su un raggio di 4 chilometri partendo da viale Venezia, punto in cui è stato rinvenuto il piccione infetto che ha fatto scattare l’allarme.

«Il Piano Nazionale di prevenzione, sorveglianza e risposta alle Arbovirosi (le malattie virali trasmesse da artropodi come zanzare e zecche, ndr) prevede l’uccisione degli adulti di zanzara come misura estrema, solo in presenza di focolaio di 2 o più casi umani di malattia neuroinvasiva da West Nile, per un raggio di 200 metri dal punto zero di contagio e procedendo casa per casa, e in ogni caso non in ambiente rurale. In caso di riscontro della malattia in animali, come accaduto in una singola istanza a Udine, il Piano prevede invece che i Comuni si attivino innanzitutto con trattamenti larvicidi di caditoie e tombini nei luoghi pubblici, e che le Regioni possono valutare interventi straordinari adulticidi intorno agli ospedali e case di cura dove ci sono persone a rischio. Stanotte invece, a Udine, saranno trattate tutte le zone di verde pubblico della città, quali le vie alberate, i parchi, i cimiteri e le aree verdi, in assenza di focolai animali o contagi umani. Se una zanzara infetta – possibile vettore di virus – si trovasse in un giardino privato, non sarebbe colpita. L’intervento, che di biologico ha ben poco, è una misura esagerata – colpirà tutti gli insetti e piccoli animali – e inefficace allo scopo», ribadisce Garlatti-Costa, che chiede: «Perché non si è seguito il protocollo ufficiale contro le Arbovirosi? Forse per dare l’impressione che la Regione si attivi, quando per mesi in realtà non si è attivata affatto con le auspicabili misure di prevenzione, quali gli interventi larvicidi? E perché non si informa adeguatamente la popolazione che siano eliminati i ristagni di acqua nei giardini, trattando le aree non raggiungibili, come da Piano?». 

«Quello di stanotte – conclude – non sarà un intervento da poco per l’ecosistema, anche se i comunicati dell’Assessore alla Salute ne minimizzano l’impatto: la cipermetrina che verrà utilizzata ha effetti su tutti i principali gruppi di insetti ed è altamente tossica per le api e i lepidotteri, rimanendo sulla superficie delle foglie per più di tre giorni».


Prossimi appuntamenti

Non ci sono eventi futuri

Logo Patto per l'Autonomia

Via Alessandro Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo (UD)

Tel: +39 342 163 3878
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter